SHLOMO MINTZ

 Shlomo Mintz è considerato dai colleghi, dal
pubblico e dalla critica uno dei più importanti
violinisti del nostro tempo, stimato per la sua
impeccabile musicalità, versatilità stilistica e
tecnica dominante. È stato a lungo acclamato
come solista ospite delle più grandi orchestre a
livello internazionale e continua ad incantare il
pubblico con il suo straordinario talento. Premiato
con numerosi prestigiosi premi internazionali tra
cui il Premio Internazionale Accademia Musicale
Chigiana, il Diapason D’Or, il Grand Prix du Disque,
il Gramophone Award, l’Edison Award e il Cremona
Music Award, nel 2006 ha ricevuto una laurea ad
honorem dal Ben- Gurion University di Beersheba
(Israele). Nato a Mosca e immigrato quando aveva
2 anni in Israele, ha studiato con Ilona Feher,
Isaac Stern e Dorothy DeLay. Sul palco sin dalla tenera
età e lungo la sua carriera, ha collaborato con artisti
famosi come Isaac Stern, Mstislav Rostropovich,
Zukerman, Itzhak Perlman, Zubin Mehta, Claudio
Abbado, Carlo Maria Giulini, Riccardo Muti, Yuri
Temirkanov, Ida Haendel e Ivry Gitlis, tra molti altri,
e ha suonato con le migliori orchestre del mondo
(Berliner Philharmoniker, Wiener Philharmoniker,
Concertgebouw Orcehstra, Chicago Symphony
Orchestra, Los Angeles Symphony Orchestra,
Philadelphia Symphony Orchestra, New York
Philharmonic). A 18 anni, Mintz ha iniziato una
carriera parallela come direttore d’orchestra, e
da allora ha guidato orchestre acclamate in tutto
il mondo, tra cui la Royal Philharmonic (Regno
Unito), la NHK Symphony (Giappone) e la Israel
Philharmonic.
  Per celebrare il sessantesimo
compleanno di Mintz, Deutsche Grammophon ha
ripubblicato le sue registrazioni con un’edizione
di 13 CD che include le leggendarie registrazioni
dei concerti per violino di Mendelssohn, Prokofi ev,
Sibelius, Lalo e Vieuxtemps con grandi orchestre
e direttori d’orchestra. Recentemente, Mintz ha
aggiunto il suo talento come violinista, violista e
direttore d’orchestra: il suo “Inno a una nazione
sconosciuta” è stato presentato per la prima volta a
giugno 2017 presso la Vigadó Grand Hall di Budapest,
e la sua “Sonatina per violino e pianoforte” è stata
premiata a Domodossola e Istanbul nell’ottobre 2017.
Regolarmente invitato dai più prestigiosi concorsi
internazionali, Mintz è stato membro della giuria
del Concorso Tchaikovsky a Mosca (1993) e del
Concorso Internazionale di Musica Regina Elisabetta
a Bruxelles (1993 e 2001). È stato anche invitato a
essere il presidente della giuria dell’International
Henryk Wieniawski Competition (ottobre 2001) per
il violino a Pozna, in Polonia. Dal 2002 al 2011 è stato
presidente della giuria del Sion Vallese – Concorso
internazionale di violino in Svizzera e dal 2012 al
2018, direttore artistico di Crans-Montana Classics.
Attualmente è Mentore e Presidente della Giuria
del Concorso Internazionale di Violino di Buenos
Aires in Argentina, Presidente di Giuria e Direttore
Artistico di Tucuman (Argentina) Festival e Concorso
Nazionale di Violino, così come il presidente del
Concorso per violino Munetsugu in Giappone e Ilona
Fehér Budapest Concorso per violino in Ungheria