BACLASSICA 2020

BACLASSICA 2020
BUSTO ARSIZIO • 15-23 FEBBRAIO 2020

Ingresso via Bellini 7.
TI ASPETTIAMO!

SHLOMO MINTZRAMIN BAHRAMIMAURIZIO BAGLINI

SILVIA CHIESAVANESSA BENELLI MOSELL

MARÍA DOLORES GAITÁNBENEDETTA BALLARDINI

GRETA RACITIGIACOMO ARFACCHIA

SONIA CANDELLONERICCARDO BISATTI

ORCHESTRA SINFONICA DEL CONSERVATORIO

GUIDO CANTELLI DI NOVARA

NICOLA PASZKOWSKI

La terza edizione di BAClassica è un ritorno atteso e felice, reso possibile dalla virtuosa collaborazione con l’Associazione Musicale ‘Rossini’, solida realtà culturale di Busto e suo vanto.

Un appuntamento ormai ‘organico’ del calendario culturale cittadino, che consente, anno dopo anno, di consolidare la divulgazione della musica classica e, nel contempo, di affi nare le sensibilità alla sua migliore comprensione e a un sempre più consapevole apprezzamento.

L’Amministrazione comunale, attraverso l’Assessorato alla Cultura, sostiene dunque con convinzione la rassegna targata 2020, il cui calendario annovera artisti di chiara fama nazionale e internazionale, cui conferisce ulteriore prestigio lo straordinario, generoso re-incontro con un artista come Ramin Bahrami, alla sua terza esibizione in città in soli tre anni, dopo aver ammaliato alcuni tra i più importanti teatri del mondo con le sue imperdibili esecuzioni di Bach.

Le note dell’ambizioso programma di quest’anno satureranno con maestria gli spazi della splendida Villa Ottolini-Tosi e del bel Teatro Sociale: degne cornici di una rassegna che si colloca certamente e senza soluzione di continuità nel solco del grande investimento in corso nel prezioso ambito culturale.

Emanuele Antonelli
Sindaco
Città di Busto Arsizio
Manuela Maffioli
Vicesindaco
Assessore a Identità e Cultura
Città di Busto Arsizio

Il Festival BAClassica “Dialoghi Musicali”, nato nel 2018 nell’ambito delle celebrazioni per il centenario dell’Associazione Musicale G. Rossini, giunge quest’anno alla sua terza edizione e continua la grande tradizione di divulgazione della musica classica con l’obiettivo di portare, in quella che oggi è la quinta città della Lombardia, una rassegna con interpreti di livello internazionale.

Tutti gli eventi sono rivolti ad un pubblico eterogeneo e avranno ingresso libero e gratuito. Il sottotitolo, “Dialoghi musicali”, tiene fede all’impegno di divulgazione culturale e musicale che vuole essere l’elemento base del festival in tutti i suoi aspetti e momenti partecipati. Dialogo per infrangere la barriera tra l’interprete e l’ascoltatore, dialogo tra generi e stili diversi, dialogo tra istituzioni musicali, dialogo con gli studenti degli Istituti Superiori della nostra città, dialogo con giovani esecutori che, insieme ai più acclamati interpreti, offriranno performance di grande spessore.

Il Festival prede avvio il 15 febbraio in Villa Ottolini-Tosi con l’esecuzione della Sinfonia n. 9 di Beethoven, compositore di cui si celebra quest’anno il 250° anniversario della nascita, eseguita da Maurizio Baglini nella trascrizione per pianoforte solo di Liszt e proseguirà fi no al 23 febbraio con ospiti di rilievo internazionale come le pianiste Vanessa Benelli Mosell e Maria Dolores Gaitán, la violoncellista Silvia Chiesa, il celebre pianista iraniano Ramin Bahrami e il violinista Shlomo Mintz tra i più grandi interpreti del concertismo internazionale.

Grazie alla collaborazione con il Conservatorio Guido Cantelli di Novara saranno protagonisti anche giovani talenti già vincitori di concorsi nazionali e internazionali che si affacciano alla carriera concertistica. Una menzione particolare merita l’appuntamento con l’Orchestra Sinfonica degli allievi del Conservatorio diretta da Nicola Paszkowski: questo concerto sarà riservato ai maturandi degli Istituti Superiori della città, un appuntamento di musica eseguita da giovani per i giovani che si preparano ad affrontare uno dei traguardi fondamentali del loro percorso formativo.

Un doveroso e sentito ringraziamento va all’Amministrazione comunale e a tutti coloro che sostengono con grande entusiasmo questa iniziativa che svela in modo sempre più evidente il volto di una città sensibile e interessata alla musica classica intesa come bene comune, bellezza e cultura che insieme arricchiscono e promuovono valore sociale.

Buon ascolto!
Giovanni Mazzucchelli
Presidente Associazione Musicale “G. Rossini”